Lnd

RIMINI-IMOLESE 4-1 TABELLINO E DOPO GARA


RIMINI-IMOLESE 4-1 TABELLINO E DOPO GARA
13/09/2014
A.C. RIMINI 1912 – IMOLESE 4-1

IL TABELLINO

RIMINI (4-2-3-1):
Dini; Moretti, Calori, Di Maio, Moresco; De Martino, Torelli; Tedesco (19' st Bricca), Di Deo, Pera (42' st Barbagli); Gambino (26' st Masini). A disp.: Carezza, Addessi, Bussaglia, Di Nicola, Guastamacchia, Versienti. All.: Cari.
IMOLESE (4-2-3-1): Carli; Poggi, Catalano, Zaccanti, Carnesecchi; Selleri, Righini (14' st Stanzani); Casella (14' st Buonaventura), Tattini (17' st Tedeschi), Mordini; Petrascu. A disp.: Calzolari, Battistini, Bunda, Burnelli, Dall'Osso, Ragazzini. All.: Farneti.
Arbitro: Cudini di Ascoli Piceno.
Reti: 2' pt Di Maio, 12' pt Catalano (autogol), 28' pt Torelli, 22' st Petrascu, 41' st Pera.
Note – spettatori 1250. Angoli 2-1. Ammoniti: Moresco, Zaccanti, Moretti, Stanzani.

LE DICHIARAZIONI DEL DOPO GARA


MARCO CARI


Siamo partiti forte, con determinazione e aggressività poi la qualità dei nostri giocatori ha fatto la differenza, certo, l’aver sbloccato il risultato nelle fasi iniziali della gara e trovato il secondo poco dopo, ha facilitato la nostra partita. Nella ripresa, con il vantaggio di tre reti abbiamo avuto un po’ un calo dal punto di vista mentale, però, a parte il gran gol di Petrascu, non abbiamo corso grandi pericoli e la quarta rete ha messo definitivamente il match in ghiaccio. Credo che sul risultato non ci siano dubbi anche se, come dicevo alla vigilia, abbiamo giocato contro una formazione che esprime un buon calcio. Abbiamo una squadra composta da 26 giocatori e sono in pratica tutti nuovi: vincere una partita in questo modo alla seconda di campionato, ci dà grande soddisfazione. I margini di miglioramento di questo gruppo sono enormi, non siamo neanche al 40% delle nostre potenzialità ma è chiaro che per raggiungere il 100% da domani mattina dovremo rimetterci subito al lavoro. In due partire abbiamo segnato tanto con giocatori tutti diversi, difensori, centrocampisti e attaccanti: anche questo è un valore aggiunto della nostra squadra. Dopo due partite abbiamo quattro punti e siamo soddisfatti delle nostre prestazioni: chiaramente questa vittoria crea entusiasmo nei giocatori e nell’ambiente, il nostro compito è continuare a fare bene per avvicinare tanta altra gente allo stadio. Nel Rimini c’è un gruppo di lavoro che non c’entra niente con questa categoria, poi abbiamo una proprietà che ha voglia di tornare subito nel calcio che conta e tutti insieme faremo di tutto per raggiungere l’obiettivo.


MANUEL PERA

Era importante vincere poi ho anche segnato quindi benissimo: nell’occasione sono stato un po’ egoista ma ho cercato il gol in tutti i modi quindi sono felice e spero di farne altri. Nel primo tempo abbiamo disputato un’ottima gara poi nella ripresa siamo calati: penso sia da attribuire a un discorso mentale, su questo dovremo migliorare per portare l’intensità della prima parte di gara sino all’ultimo minuto. Abbiamo creato diverse occasioni da gol e in fase difensiva siamo rimasti compatti: come attaccante non mi pesa sacrificarmi in non possesso palla, sono pronto anche a fare il terzino. Il gol lo dedico a mia moglie: è la prima volta che gioco lontano di casa, poi quando non vinco sono noioso, e lei mi sopporta sempre.


ROBERTO DI MAIO

Non potevo augurarmi esordio migliore, avevo tanta voglia e il gol arrivato subito, mi rende davvero contento. Ho visto la palla sbucare all’ultimo, non l’ho presa nemmeno tanto bene e forse proprio per questo ho preso il tempo al portiere. La squadra ha giocato un primo tempo su ritmi intensi, l’unica nota negativa della gara è l’aver abbassato troppo il baricentro nella ripresa: più o meno come era successo a Scandicci. Conosco bene il mister, lui cerca la stessa intensità della prima parte di gara anche dopo l’intervallo: i nostri margini di miglioramento sono ampi e sono convinto che partita dopo partita miglioreremo sempre.



FRANCO FARNETI (Allenatore Imolese)

Una gara per l’Imolese condizionata dalle due marcature iniziali, dove ci sono stati molti demeriti della nostra fase difensiva; questo pur riconoscendo la qualità dell’impianto di gioco del Rimini. Nella ripresa, inserendo altri due attaccanti, eravamo riusciti a rientrare in partita poi il quarto gol ha chiuso i giochi: il Rimini probabilmente è al di sopra della nostra portata ma abbiamo regalato troppo. Avevamo preparato la partita in modo diverso, volevamo sfruttare la velocità dei nostri attaccanti per approfittare degli spazi che il Rimini “costretto a vincere” ci avrebbe concesso, poi la partita si è messa in salita e tutto è diventato più difficile. Ripeto, per demerito nostro abbiamo concesso troppo in fase difensiva a una super squadra, dove non ha nemmeno senso parlare di assenze, se non riferendosi a Ricchiuti, perché il Rimini non ha solo undici giocatori di qualità, ne ha altri undici dello stesso livello pronti a entrare in campo.






Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter

A.C. Rimini Calcio 1912 srl

comunicazione@riminicalcio.com
Copyright © 2012 A.C. Rimini Calcio 1912 srl
Tutti i diritti riservati - Piva 03891240404
Siti internetby Pianetaitalia.com